18 Aprile 2019

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Suburra - La serie, ecco perché va vista

7 Marzo 2019

E' stata la prima serie televisiva italiana originale distribuita da Netflix ed ecco i motivi per guardarla.

In questo articolo andremo a spiegare le motivazioni che ci spingono a consigliare di vedere Suburra - La serie.
Prima di tutto se ancora non avete visto il film del 2015, ispirato al romanzo di De Cataldo-Bonini e diretto da Stefano Sollima, da cui è tratta la serie, non fatelo! Non perché non merita di essere visto, attori e regia sono ottimi e la storia è molto accattivante, ma va rimandata la visione perché la serie è ambientata a livello temporale prima del film, è un prequel, e quindi il lungometraggio vi “svelerà/spoilererà” alcuni accadimenti che avverrano in seguito.
Suburra - La serie è la prima serie televisiva italiana originale distribuita da Netflix.
La prima stagione è stata rilasciata sulla piattaforma Netflix il 6 ottobre 2017 e poi trasmessa in chiaro da Rai 2. A dirigerla sono stati: Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi. La seconda stagione è diretta da Andrea Molaioli e Piero Messina ed è stata pubblicata il 22 febbraio 2019.

Ecco i motivi per guardare Suburra - La Serie

Per spiegarvi perché seguire la serie, sia la prima che la seconda stagione, andiamo ad analizzare più approfonditamente quella più recente.
Iniziamo dalla scelta del casting. Sia nel film che nelle stagioni della serie troviamo due dei più bravi attori italiani che abbiamo al momento: Alessandro Borghi e Giacomo Ferrara. Il primo interpreta Aureliano Adami, secondogenito della sua famiglia con base ad Ostia e il secondo indossa i variopinti panni di Alberto Anacleti detto Spadino, fratello di Manfredi, boss del clan zingaro degli Anacleti.
Entrambi dipingono i propri personaggi con una miriade di sfumature, facendo diventare credibili anche alcune “forzature” di sceneggiatura che nella storia potrebbero non essere accettate da tutti.
Questi due protagonisti sono circondati, in entrambe le stagioni, da attori di elevato livello, anche se alcuni ruoli di contorno, fortunatamente solo in poche occasioni, non sono recitati sempre al meglio.
Altro motivo che ci farà decidere di vedere la serie capitolina è proprio la sceneggiatura che, seppur a volte forzata come appena detto, oltre a descrivere in maniera perfetta e minuziosa alcuni meccanismi e situazioni, ha creato dei personaggi che, specialmente nella seconda stagione, non perdono occasione per dimostrare la propria ambiguità e la propria egoistica coerenza nel "cambiare bandiera" appena scorgono un’occasione più vantaggiosa, anche solo di poco.

Suburra - La serie su Netflix

Altro punto di forza della seconda stagione è la velocità con cui tutto cambia, risultando quindi più veloce e televisivamente più “appetibile” della prima stagione.
Un punto sempre a favore della serie appena uscita è l’inserimento di nuovi personaggi, soprattutto quelli femminili, che vanno ad aggiungersi alle protagoniste della prima serie. Alcuni di questi hanno un crescendo puntata dopo puntata, con un’evoluzione molto accattivante e veritiera, altri invece entrano prepotentemente a “gamba tesa” nelle storie facendosi notare da subito per l’importante apporto nella prosecuzione della sceneggiatura.
Da sottolineare, inoltre, l’ottima regia e l’uso di una fotografia che delinea e sottolinea ogni singola scena.

Suburra - La serie con Alessandro Borghi, Giacomo Ferrara e Eduardo Valdarnini

Una piccola pecca della serie però, cercando proprio a fondo, l'abbiamo trovata: è la scelta di far interpretare il ruolo di Lele e Nadia a due attori, che seppur di elevata bravura, devono sforzarsi molto per rendere credibili i rispettivi personaggi che, secondo il nostro parere, dovevano essere interpretati da attori che dimostrassero un’età scenica maggiore di almeno 5/10 anni.
Comunque, buona visione a tutti!

Iscriviti al nostro canale YouTube!

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok